una ghigliottinaDopo la “riforma” degli Url, Google Grants inasprisce i controlli e richiede a tutti gli aderenti un nuovo controllo sulla qualifica delle onlus. Quali sono le regole da rispettare?

Un solo Url

Google ha già scritto a tutte le onlus aderenti una mail in cui segnalava che da ora in poi accetterà pubblicità (sempre solo di AdSense, quindi quelle scritte) a un unico Url, quello ufficiale del sito.

È possibile ideare spot indirizzati a link di secondo o terzo livello?
Sì, vanno bene tutti questi esempi
www.subdomain.example.org/subfolder
www.example.org/events
www.donate.example.org

Cosa non va bene?
Questo: www.example2.org

Cosa succede se cambio il mio sito?
Puoi cambiare tutte le pubblicità, senza problemi, basta che l’argomento e lo scopo sociale siano sempre gli stessi e che segnali il tuo numero Ein (codice di Google Grants), il nome dell’associazione, il tuo vecchio sito e quello nuovo a Grants.

Confermare lo stato di Onlus

Si chiama “renewal policy”, è la politica di Grants per assicurarsi che i soliti furbi non stiano usando per i propri comodi un account di una qualche realtà a cui è stato tolto il titolo di onlus per le mille motivazioni che la cronaca ci ha fatto già conoscere.

Niente di speciale, da luglio partiranno mail agli amministratori degli account, a cui verrà chiesto di reinserire i documenti che attestano la qualifica di onlus, non è ancora chiaro cosa chiederanno e se si accontenteranno dei numeri dei documenti o vorranno una scannerizzazione. Comunque assicurano che sarà una cosa semplice.

È molto probabile che Google richieda la stessa conferma della qualifica ogni anno, per evitare di essere fregato. A parte il fastidio di fare questo lavoro tra luglio e agosto, quando tanti sono in ferie, il principio è condivisibile.

Per ogni altro dubbio, consiglio di contattare lo staff di Google Grants, molto disponibile come sempre


One thought on “Google Grants, arrivano le nuove regole

  • Claudio Torella

    Ciao Riccardo, grazie per le informazioni, ma lo staff di Google Grants sembra… nascosto e all’url che hai indicato c’è la solita e buona assistenza generale di AdWords, in grado di controllare la correttezza procedurale, e null’altro.
    Un saluto,
    Claudio

    Rispondi

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *