Wired Cover

C’era una volta un blog, nato con molta fatica. Appena nato, ha avuto subito un buon successo. Ma il sito che l’ospitava, Wired, ha deciso di chiuderlo dopo 2 mesi.

Il blog in questione si chiamava NonProfit, era nato dalla collaborazione di un gruppo di esperti di Terzo Settore e Web 2.0. Parlava di come il mondo del Sociale può usare, e sta usando, le nuove tecnologie per parlare al mondo, non solo al suo mondo.

Dopo varie avances a Vita, che poi ha rifiutato di ospitarlo, è stato proprio Wired a dire di sì e a prenderlo con sé.

Il primo post, un post sugli anziani, ha avuto 121 suggerimenti su Facebook il primo giorno. Ripeto, 121! E parlava di vecchi, nuove tecnologie e nuove opportunità per associazioni e aziende.

Il blog era aggiornato almeno due volte a settimana e cominciava a marciare. Poi un giorno, proprio lo stesso giorno in cui l’avevo presentato a tante persone durante una convention, riceviamo una mail: i blog di Wired chiudono, sarà aperta una unica grande piattaforma, in cui sarete tutti “editorialisti”.

Wired Non Profit

 

Peccato. Perché la piattaforma unica è un miscuglio di argomenti, e quindi scompare la piazza per discutere tra esperti del s

ettore. Si perde la specificità. Si perde il target. E poi gli editorialisti si pagano, e in questo caso, invece, no.

Pazienza. Però ci tenevo a ringraziare Wired per l’opportunità, anche se troppo breve, a mio avviso, e i miei compagni di viaggio per la grande professionalità. Continuate a seguirli. Li trovate qui.

Isabella Baroni
Mattia Dell’Era
Andrea “Juha” Cardoni
Emanuele Todini
Mattia Marasco

À bientot!


One thought on “Il curioso caso di un blog che andava bene

  • Andrea

    Peccato, ma cose che càpitano no? L’importante, in fondo, è che continueremo a scrivere. Tante care cose

    Rispondi

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *